Banca d’Italia e ABI

Due importanti istituti nazionali nel campo della finanza sono la Banca d’Italia e la società ABI.

Che cos’è la Banca d’Italia?

Quando nominiamo la Banca d’Italia intendiamo quell’istituto finanziario con sede centrale a Roma che si occupa di supervisionare l’economia, garantendo la stabilità monetaria e finanziaria a livello nazionale. 

La Banca è diretta da un Governatore, il cui incarico dura sei anni; tale Governatore è scelto dal Consiglio superiore della Banca per volere del Ministro dell’Economia e delle Finanze e del Presidente del Consiglio italiano.

Banca d'italia e ABI

Funzioni della Banca d’Italia

Le funzioni di questo importante istituto sono le più varie, che possono andare da compiti legati specificatamente al denaro a compiti più ampi come il controllo sul rischio di usura

In generale le attività sono:

  • Stampa di banconote (taglio 5, 10, 20, 50, 100, 200, 500 Euro);
  • Eliminazione del denaro usurato (se sono monete, vengono spedite alla Zecca di Stato);
  • Vigilanza su Banche e Intermediari finanziari;
  • Promozione concorrenza nel credito;
  • Controllo contro usura e riciclaggio del denaro;
  • Controllo del mercato e dei pagamenti;
  • Gestione della Centrale dei Rischi.

La Banca d’Italia fa parte del più grande gruppo noto come Sistema Europeo di Banche Centrali (SEBC), e fa capo alla BCE, la Banca Centrale Europea. 

Il Governatore della Banca d’Italia può, dunque, partecipare alle sedute della BCE e prendere decisioni che coinvolgono l’area unitaria dell’Euro. 

Inoltre, questo istituto è inserito nel Sistema Europeo di Vigilanza Finanziaria (SEVIF).

Che cos’è l’ABI?

La sigla ABI sta ad indicare l’Associazione Bancaria Italiana.

Questa società privata riunisce in sé tutte le banche e le finanziarie nazionali per promuovere i concetti del libero mercato e della sana concorrenza, con alla base il rispetto delle regole. 

 

Per compiere quest’opera di educazione ABI svolge alcune attività come:

  • Favorire studi e dibattiti e diffondere le conoscenze dell’ambito economico;
  • Organizzare corsi di formazione;
  • Promuovere il rinnovo delle strutture e delle pratiche ma anche delle normative;
  • Definire linee di lavoro comune e promuovere la collaborazione tra banche;
  • Fornire assistenza e consulenza agli Associati;
  • Collaborare con altre istituzioni o associazioni.

In generale, tutte le attività sono volte a creare una rete di collaborazioni che possa portare ad un’idea di mercato positiva e innovativa. 

ABI: Direzioni Generali

Per perseguire i suoi obiettivi, ABI ha in sé quattro Direzioni Generali che si occupano di ambiti specifici:

  • Direzione Relazioni Istituzionali e Media: si occupa dei rapporti con la stampa e dell’immagine che ABI offre di sé agli esterni;
  • Direzione Relazioni Europee: si occupa dei rapporti con il Parlamento Europeo e tra ABI e le Istituzioni della comunità europea;
  • Direzione Amministrazione, Risorse Umane e Patrimonio: si occupa dei fondi e dei contributi dell’Associazione e redige piani annuali e previsioni varie;
  • Direzione Sindacale e del Lavoro: si occupa di stipulare contratti di collaborazione e di offrire consulenza agli Associati.

Oltre a queste quattro Direzioni, ci sono anche:

  • Vicedirezione Generale: supervisiona le finanze, le attività economiche e quelle giuridiche dell’Associazione;
  • Due ServiziServizio Segreteria Generale Organi Statutari e Servizio Rapporti con Associazioni Europee e Attività internazionali.

Hai una domanda? Lascia un commento qui sotto
Tirisponderà un nostro esperto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Richiedi un prestito con Cessione del Quinto

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram